Metodologia e criteri di reporting

Rif. GRI 3.1-3.13

Dal 2011 gli indicatori e più in generale le performance di sostenibilità del Gruppo sono riportate sotto forma di Addendum. Tale documento è complementare a “Saipem Sustainability”; quest’ultimo tratta gli argomenti materiali per Saipem e gli stakeholder ai quali è indirizzato e descrive le azioni e le iniziative realizzate per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Entrambi i documenti sono parte integrante del sistema di comunicazione e reporting di sostenibilità di Saipem, composto da strumenti realizzati per comunicare in maniera esaustiva ed efficace le informazioni sulla performance di sostenibilità ai diversi stakeholder della Società.

Metodologia, criteri e principi di reporting

Principi di reporting e risultati dell’analisi di materialità

La trattazione delle informazioni e degli indicatori dei dati è conforme alle Linee Guida del Global Reporting Initiative versione G3.0. Per definire i temi di sostenibilità considerati più significativi, sia internamente alla Società che per gli stakeholder di riferimento, nel corso del 2013 è stata condotta nuovamente un’analisi di materialità. Come primo passo sono stati identificati gli aspetti rilevanti che sono considerati nell’analisi al fine di individuare quelli materiali. Tale processo si basa sul contesto di sostenibilità e sull’analisi delle priorità degli stakeholder di riferimento: clienti e stakeholder finanziari.

Per semplicità di analisi e comparabilità dei risultati, i 23 aspetti individuati sono stati raggruppati in 8 macro-categorie.

Il livello di significatività interna è stato validato dal Comitato di Sostenibilità su proposta della funzione di Sostenibilità, tenuto conto dei principi e dei valori della Società, della strategia di business e i relativi obiettivi, delle competenze e i fattori distintivi che differenziano Saipem nel proprio segmento di settore.

Il livello di interesse esterno è stato rilevato combinando: (a) un’analisi di benchmarking su un panel di società rappresentanti i principali clienti di Saipem; (b) i risultati del monitoraggio delle richieste e degli interessi che i diversi stakeholder considerati nell’analisi hanno mostrato a Saipem nell’anno di rendicontazione; (c) i risultati di un’analisi di frequenza e rilevanza con cui gli aspetti analizzati si presentano nei questionari degli analisti finanziari e delle agenzie di rating.

La materialità degli aspetti risulta dall’intersezione del livello di significatività interna con il livello di interesse esterno. Per la prima volta risultati di quest’analisi sono stati presentati a un panel di esperti esterni prima della redazione del bilancio per avere un feedback preliminare.

Una descrizione più in dettaglio di questo evento si può trovare in “Saipem Sustainability 2013” alla pagina 6.

La selezione delle attività e dei programmi descritti nello specifico, sui temi identificati come materiali, è stata operata tenendo conto del contesto di sostenibilità dando maggior risalto alle tematiche e ai Paesi nei quali la Società ha un impatto più significativo e alle iniziative più rilevanti.

Principi di reporting e risultati dell’analisi di materialità

Dipendenti Locali  le  Sviluppo e formazione  dev 
Procurato Locale  lp  Relazioni Sindacali  tu 
Salute  h  Coinvolgimento della comunità eng 
Sicurezza  saf  Iniziative della comunità com 
Gestione dei contrattisti  cm  Etica del Business  eth 
Integrità degli asset e gestione delle emergenze  ai  Diritti Umani e Condizioni di Lavoro  hr 
Energia  en  Governo della Sostenibilità gov 
Acqua  wa  Remunerazioni collegate alla sostenibilità  rem 
Biodiversità bio 
Sversamenti  spi  Cambiamento Climatico  cc 
Rifiuti  was  Emissioni nell’aria emi 
Diversità div  Rinnovabili  ren 

Perimetro di Reporting

Il presente Addendum contiene le informazioni e una descrizione degli indicatori relativi alla performance di Saipem SpA e tutte le imprese controllate, direttamente o indirettamente, dal Gruppo nel triennio 2011-2013, al fine di permettere una comprensione del trend della performance nel tempo.

Per quanto riguarda i dati finanziari, coerentemente con i criteri di redazione della relazione finanziaria, sono comprese nell’area di consolidamento, per la quota proporzionale, le imprese controllate congiuntamente con altri soci per effetto di accordi con essi.

Per i dati HSE, società immateriali e controllate che non producono effetti significativi non sono incluse nel perimetro di rendicontazione.

In alcuni casi, per alcuni indicatori HSE ritenuti particolarmente importanti in rapporto al business della Società, vengono inclusi nella rendicontazione anche i subappaltatori e fornitori operanti sui progetti operativi della Società. Eventuali eccezioni sono segnalate nel documento con riferimento allo specifico indicatore.

Per quanto riguarda le altre aree, i dati relativi a società controllate in percentuale inferiore al 100% sono calcolati secondo il criterio operational, ovvero Saipem rendiconta tutte le attività nelle quali Saipem SpA o una controllata esercitano il controllo operativo.

Nel testo sono espressamente indicate le eccezioni rispetto ai suddetti criteri, alcune particolari metodologie di calcolo degli indicatori, eventuali modifiche di quest’ultime ed eventuali riformulazioni, fermo restando l’impegno generale nel mantenere la coerenza delle informazioni e dei dati già comunicati nelle edizioni precedenti.

La rendicontazione è sottoposta a revisione limitata da parte di una società indipendente, verificatore unico della Relazione Finanziaria Annuale, nella quale è inclusa il presente Addendum, e del documento “Saipem Sustainability 2013”.

Per il presente documento, Saipem dichiara un livello di applicazione B+ della linea guida del Global Reporting Initiative livello 3.0.

Perimetro di Reporting